Contenuto principale

Messaggio di avviso

Usando questo sito si accetta l'utilizzo dei cookie anche di terze parti. Per maggiori informazioni vi invitiamo a leggere informativa cookies

AGID

L'AGenzia per l'Italia Digitale (AGID), con determinazione. 36/2018 avente per oggetto la riorganizzazione del dominio di secondo livello (sld) “.gov.it”, ha stabilito che l’assegnazione dei domini di terzo livello nel dominio “.gov.it” è riservata alle sole amministrazioni centrali dello Stato indicate all’elenco delle amministrazioni pubbliche individuate ai sensi dell'articolo 1, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196 e successive modificazioni e pubblicate annualmente in G.U.
I sottodomini di terzo livello sotto il dominio “.gov.it” utilizzati dalle pubbliche amministrazioni che non rientrano fra quelle definite all’art.1 potranno essere utilizzati fino al 30/06/2018. Dal 1/7/2018 al 31/12/2018 verrà mantenuta la configurazione dei DNS al fine di preservare l’accesso ai servizi con gli URL obsoleti.
Le pubbliche amministrazioni territoriali e scolastiche che utilizzano attualmente il nome a dominio “.gov.it” si adeguano a quanto indicato nel precedente comma entro un anno solare dalla data di emissione della presente Determinazione.

In ossequio a tali disposizioni il dominio istituzionale del Comune di Farigliano sarà nuovamente accessibile tramite l'indirizzo: https://www.comune.farigliano.cn.it

analogamente tutte le caselle di posta elettronica che terminavano con ...farigliano.cn.gov.it dovranno terminare con ...farigliano.cn.it; si provvederà progressivamente al reinoltro dei messaggi di posta sulle nuove caselle ed alla disattivazione delle vecchie.

Il "vecchio" dominio e le "vecchie" caselle rimarranno attive fino a quando AGID ne decreterà la loro dismissione rendendo tutti i vari indirizzi IRRAGGIUNGIBILI

VISTO che in passato, grazie ad una più capillare e attenta campagna di informazione, è stato possibile evitare fenomeni di avvelenamento delle api causati dall’esecuzione di trattamenti insetticidi durante la fioritura della vite; considerato che nel territorio Piemontese e nello specifico nei territori del Doglianese e del Monregalese continua ad esservi l’obbligo di effettuare la difesa fitosanitaria contro l’insetto vettore della Flavescenza dorata della vite;

  • ai sensi dell’art. 17 della L.R. n. 20 del 03/08/1998 sono vietati i trattamenti con prodotti fitosanitari (insetticidi, erbicidi e fungicidi) dannosi per le api sulle colture arboree, erbacee, ornamentali e spontanee durante il periodo di fioritura. I trattamenti sono altresì vietati se sono presenti secrezioni nettarifere extrafiorali o qualora siano in fioritura le vegetazioni sottostanti, tranne che si sia proceduto al loro sfalcio;
  • ai sensi dell’art. 28 della L.R. n. 20 del 03/08/1998 la vigilanza sul rispetto delle norme e degli obblighi di legge è demandata ai competenti uffici della Regione, ai Comuni, ai Servizi veterinari delle ASL, al Corpo forestale;
  • ai sensi dell’art. 29 della L.R. n. 20 del 03/08/1998 per la violazione delle norme e degli obblighi di legge si applicano le sanzioni amministrative previste.

SI RICORDA

ai possessori e/o conduttori a qualunque titolo di vigneti di non effettuare alcun trattamento con prodotti fitosanitari (insetticidi, erbicidi e fungicidi) dannosi per le api durante la fioritura della vite. E’ comunque appurato che per avere una buona allegazione dei grappoli è comunque poco raccomandato l’uso di atomizzatori con ventola nel periodo di fioritura. 

Si ricorda inoltre ai possessori, e/o conduttori di vigneti come pure ai rivenditori di prodotti antiparassitari di seguire sempre con la massima attenzione i comunicati che verranno pubblicati successivamente dal Comitato Intercomunale Doglianese-Monregalese. 

Una corretta difesa fitosanitaria in vigneto è in grado di garantire lo stato di salute della coltura e contemporaneamente salvaguardare le api e gli altri insetti pronubi. Anche solo un piccolo errore potrebbe causare gravi danni al settore apistico.

L’Assessorato all’agricoltura del Comune di Farigliano per garantire il rispetto del presente avviso relativo ai citati articoli n. 17, 28, 29 della L.R.  n. 20 del 3/08/98, si avvarrà della collaborazione e del supporto dei tecnici del Comitato Intercomunale Doglianese-Monregalese e della commissione agricoltura locale. 

Si chiede la collaborazione di tutti per la massima osservazione di questo comunicato.

Farigliano, lì 15 giugno 2019

Il Sindaco iVANO airaldi

Il 17 GIUGNO scade il termine per il versamento degli acconti IMU e TASI 2019, versando il 50% dell'imposta calcolata applicando le aliquote in vigore per l'anno 2019:

Abitazioni Principali e pertinenze (una per cat.C2-C6-C7):
IMU: solo di cat.A1-A8-A9 0,40% con detrazione euro 200,00 (cod. F24 3912)
TASI: 0,15% solo di cat.A1-A8-A9 (cod.F24 3958) senza detrazioni

Fabbricati cat. D:
IMU: 0,76% allo Stato (cod.F24 3925) - 0,09% al Comune (cod.F24 3930)
TASI: 0,15% (cod.F24 3961)

Fabbricati cat. C1 e C3:
IMU: 0,85% (cod.F24 3918)
TASI: 0,15% (cod.F24 3961)

Fabbricati rurali strumentali:
IMU: non soggetti
TASI: 0,10% (cod.F24 3959)

Altri Fabbricati:
IMU: 0,90% (cod. F24 3918)
TASI: 0,15% (cod. F24 3961). Quota a carico dell'inquilino o comodatario: 10%

Aree Fabbricabili:
IMU: 0,90% (cod.F24 3916)
TASI: aliquota azzerata - non si versa

Terreni:
IMU: 0,90% (cod.F24 3914)
TASI: non soggetti
Sono soggetti ad IMU i terreni situati sui Fogli di mappa 1 - 2 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11
I terreni di proprietà e condotti direttamente da coltivatori diretti ed imprenditori agricoli professionali sono esenti da IMU

In caso di immobili locati o in comodato il proprietario versa la TASI per la quota del 90%. Se si tratta di abitazione principale, il locatario o il comodante non versa la quota del 10% (tranne se si tratta di immobili di cat. A1-A8-A9).

ORARI UFFICIO TRIBUTI per informazioni dal 27 maggio al 17 giugno:
- lunedì, martedì, giovedì e venerdì dalle 10.00 alle 12.30
- mercoledì dalle 15.00 alle 17.00
- sabato 15 giugno dalle 9.30 alle 11.30
oppure inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.